Periodico di informazione religiosa

A Bucarest anche la sensibilità ecologica ha regnato

by | 3 Lug 2024 | Vita ecclesiale

Accogliamo un’altra testimonianza ecclesiale dalla Conferenza dell’EMN sul microcredito, svoltasi a Bucarest gli scorsi 20 e 21 giugno. Questa volta ha avuto il piacere di condividere la propria esperienza con Fideliter Miriam Resta Corrado, animatrice di “Comunità Laudato si’” e fedele della diocesi salentina di Ugento-Santa Maria di Leuca. Miriam ci racconterà – brevemente – dell’atmosfera ecologica che ha respirato nella capitale rumena.

Miriam, poiché anche tu sei giovane, ti chiedo cosa sogni per le nostre terre e le comunità cristiane? Possono i tuoi coetanei inserirsi con frutto nella microfinanza?

Il mio sogno per le nostre terre e le comunità cristiane è quello di vedere una crescita armoniosa, dove i valori di solidarietà, giustizia e dignità del lavoro siano al centro del nostro agire quotidiano. Il Progetto Policoro, in cui sono impegnata da circa un anno e mezzo, promuovere un’economia che sia veramente a misura d’uomo, dove ogni individuo possa trovare opportunità di crescita personale e professionale. I miei coetanei hanno un grande potenziale per inserirsi con frutto nella microfinanza. Questa forma di credito, infatti, non solo offre possibilità concrete di avviare nuove attività imprenditoriali, ma favorisce anche lo sviluppo di una cultura economica basata sulla reciprocità e sul mutuo aiuto. Grazie al microcredito, i giovani possono diventare protagonisti attivi del cambiamento, creando reti di solidarietà che rafforzano le comunità e promuovono uno sviluppo sostenibile. È fondamentale che i giovani siano formati e sostenuti in questo percorso, affinché possano contribuire al benessere collettivo, seguendo i principi del bene comune e della responsabilità sociale.

Miriam, a Bucarest si è parlato anche di cambiamenti climatici e del ruolo dell’ecosistema microfinanza: pensi che la Chiesa possa offrire il proprio contributo per una radicale conversione eco-sociale?

Assolutamente sì! La Chiesa ha un ruolo cruciale nel promuovere una conversione eco-sociale. La Dottrina sociale della Chiesa ci ricorda l’importanza di custodire il Creato, e documenti come l’enciclica “Laudato Si’” di Papa Francesco evidenziano l’urgenza di affrontare le sfide ambientali con responsabilità e solidarietà. La microfinanza può essere uno strumento potente in questo contesto, poiché consente di finanziare progetti che hanno un impatto positivo sull’ambiente e sulle comunità locali. La Chiesa può contribuire offrendo una visione etica che guida le scelte economiche verso modelli più sostenibili e inclusivi. Può sensibilizzare le persone sui temi ambientali, promuovere l’educazione alla sostenibilità e supportare iniziative che coniughino sviluppo economico e tutela dell’ambiente. In questo modo, attraverso la microfinanza, possiamo incentivare progetti di agricoltura sostenibile, energie rinnovabili, gestione responsabile delle risorse naturali e molte altre iniziative che favoriscono una vera conversione eco-sociale. In sintesi, la Chiesa, attraverso il suo impegno nella microfinanza e nell’educazione dei valori della solidarietà e della cura del Creato, può essere un faro di speranza e guida verso un futuro più giusto e sostenibile per tutti.

Salutiamo – con immensa gratitudine – Miriam e le auguriamo un proficuo impegno nella cura della nostra casa comune: il suo entusiasmo e le proprie competenze già acquisite siano contagiose verso le nuove generazioni e semi di speranza nella Chiesa di oggi.

Print Friendly, PDF & Email

Ultimi articoli

Author Name